Chiese di Foligno chiese duomo San Feliciano

Home pageaChiese di Foligno
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Foligno

Home .: Architettura: Edifici religiosi .: Le chiese di Foligno

Versione stampabile Invia questa pagina

Le chiese di Foligno

.: Le chiese e il Duomo di Foligno, città che è posta al margine sud orientale della Valle Umbra sulla riva sinistra del Fiume Topino. Ha origini antichissime, tracce dell'uomo risalgono al Neolitico come documentano alcuni reperti archeologici rinvenuti in località Belfiore. Fiorente città umbra l'ha vista al centro di importanti vie di comunicazione con varie e tortuose vicissitudini storiche fino ad arrivare al XII secolo che grazie al supporto di Federico Barbarossa potenziò la struttura commerciale costituendosi libero Comune dalla parte dei Ghibellini in rivalità quindi con la Guelfa Perugia. Ha dato i natali alla Beata Angela da Foligno (1248-1304). Di seguito gli itinerari di Arte spirituale:

Duomo di San Feliciano

.: Nella centrale piazza della Repubblica vi è la chiesa intitolata a San Feliciano, patrono della città. Fu edificata nella prima metà del XII secolo sul luogo della sepoltura del Santo ad opera di Maestro Atto, come documenta una iscrizione posta sulla facciata principale. Nel 1201 fu ampliato con la costruzione di una facciata secondaria e nei secoli XVI e XVII fu oggetto di numerosi restauri e aggiunte. Nel 1904 la facciata anteriore è stata liberamente restaurata e presenta un mosaico raffigurante "Cristo in Trono, San Feliciano", messalina (protettori della città) e papa Leone XIII (colui che commissionò l'opera). La facciata sinistra, quella su piazza della Repubblica è caratterizzata da un bel portale romanico decorato con bassorilievi raffiguranti Federico Barbarossa, Innocenzo III, i Simboli degli Evangelisti ed i Segni Zodiacali. L'elegante cupola è un'addizionale cinquecentesca opera di Giuliano di Baccio d'Agnolo. L'interno ad un'unica navata denota i tratti del rifacimento Neoclassico operato nella seconda metà dell'Ottocento da Giuseppe Piermarini, ed è evidenziato dal baldacchino dell'altare maggiore, fedele riproduzione di quello berniniano presente nella Basilica di San Pietro a Roma. Al suo interno custodisce una statua del XIX secolo, la cappella del Sacramento del 1527 è opera di Antonio da Sangallo il Giovane con affreschi di Vespasiano Strada e Baldassare Croce, la cripta (sotto l'edificio) ha origini romaniche ed è quindi più antica della chiesa stessa con capitelli preromanici ed altri elementi architettonici.

Oratorio della Nunziatella

.: L'Oratorio della Nunziatella si trova a Largo Carducci. Eretto nel 1492 custodisce al suo interno un'opera del 1507 del Perugino effigiante il "Battesimo di Gesù" ed il "Padre Eterno" ed un tabernacolo opera di Lattanzio di Nicolò Alunno.

Chiesa di San Domenico

.: Si trova in piazza San Domenico ed è del XIII secolo con campanile del XIV secolo, custodisce al suo interno affreschi del XIV e XV secolo ed una "Crocefissione" monocroma di Pier Antonio Mezzastris. Oggi la chiesa è adibita ad Auditorium per concerti e convegni.

Chiesa di Santa Maria Infra Portas

.: Nella stessa piazza si trova il monumento più antico della città di Foligno. La chiesa di Santa Maria Infra Portas è una costruzione romanica preceduta da un portichetto sorretto da quattro colonne del XI-XII secolo con la facciata caratterizzata da una grande bifora trilobata e da uno squadrato campanile romanico del XII secolo. All'interno le tre navate decorate con affreschi di Scuola Umbra del XV e XVI secolo e la cappella dell'Assunta del XIII secolo contraddistinta da affreschi di netta impronta bizantina da due bifore e da una statua lignea del XIV secolo.

Chiesa di San Nicolò

.: La chiesa di San Nicolò si trova nella piazza omonima ed è un edificio del XIV secolo completamente rinnovata con facciata caratterizzata da un portale del XVI secolo. Custodisce al suo interno un polittico del 1492 dell'Alunno, una tela di Sebastiano Conca e una di Luca Tommè.

Chiesa del Santissimo Salvatore

.: In piazza Garibaldi si erige la chiesa del Santissimo Salvatore, ex chiesa Benedettina con facciata e campanile trecentesco è caratterizzata all'esterno da tre portali ogivali sovrastati da tre rosoni restaurati nel 1800. L'interno, ristrutturato dal Vanvitelli custodisce una serie di affreschi, una tela di Francesco Appiani, una "Pietà" di Luca Mancini ed un Crocifisso ligneo trecentesco.

Altre chiese di Foligno

.: Meritano sicuramente una visita la chiesa di San Giacomo del 1402 in stile gotico con facciata incompiuta a fasce bianche e rosse ed un bel portale ogivale tra monofore cieche, con sopra una grande finestra a sesto acuto; la chiesa di San Francesco, del XIII secolo con affreschi trecenteschi di >Scuola Senese; la chiesa di Sant'Anna monastero del XIV secolo con chiostro quattrocentesco e affreschi della scuola locale.

Nei dintorni di Foligno - Chiesa di S. Maria in Campis

.: Fuori le mura della città, la chiesa di S. Maria in Campis, edificio paleocristiano ampliato attorno alla metà del XV secolo e ricostruito nel XIX secolo. Era una delle quattro chiese che disposte a quadrato erano erette a distanza di circa due chilometri dalla tomba di San Feliciano. Numerosi reperti di epoca romana sono venuti alla luce nelle sue vicinanze e qui fu rinvenuta anche la scultura bronzea nota come "Ercole di Foligno". All'interno nelle cappelle laterali sono visibili alcuni affreschi di scuola Folignate.

Abbazia di Sassovivo

.: Non distante da Foligno (a Sassovivo) si trova l'Abbazia di Sassovivo della seconda metà dell'XI secolo incastonata nel verde delle pendici del Monte Aguzzo, appartenne ai monaci Benedettini e poi agli Olivetani. Il bellissimo chiostro dell'abbazia è opera di Pietro de Maria ed è del XIII secolo, contornato da 128 colonnine binate che sostengono 58 archi a tutto sesto e che custodisce in un locale detto "il Paradiso" affreschi monocromi del '400. Nelle immediate vicinanze i resti della cappella del Beato Alano del XIII-XIV secolo con l'antica cripta.

Chiesa di San Giovanni Profiamma

.: Nel paese di San Giovanni Profiamma la chiesa fu costruita su un edificio preesistente nell'XI-XII secolo e sorge lungo la via Flaminia. La facciata della prima metà del XIII secolo è caratterizzata da un portale romanico i cui rilievi furono realizzati dal Maestro Filippo. All'interno frammenti di affreschi e nella cripta resti architettonici di epoca medievale.

Eremo di Santa Maria Giacobbe

.: In una frazione chiamata Pale si trova l'Eremo di Santa Maria Giacobbe. Edificio del XIII secolo al suo interno presenta affreschi quattrocenteschi di Scuola Umbra.

Chiesa di Santa Maria di Plestia

.: Sull'altipiano di Colfiorito, annoverato tra le zone paesaggistiche e naturalistiche più interessanti dell'Umbria sorse l'antica Plestia in epoca preromana, e l'antica chiesa di Santa Maria di Plestia risale al X secolo. Fu edificata con materiali romani rinvenuti dove prima sorgeva questa città.


^inizio pagina
Pagine Sì!
eXTReMe Tracker