Pinturicchio vita e opere: cappella Sistina cappella Baglioni appartamento Borgia libreria Piccolomini

Home pagePinturicchio arte
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Pinturicchio opere

Home .: Mostre in corso: Bernardino di Betto detto il Pintoricchio

Invia questa pagina

Bernardino di Betto detto il Pinturicchio

Dal 2 febbraio al 29 giugno 2008
Perugia 100 capolavori tra dipinti e disegni attribuiti al Pinturicchio. Tra le opere la pala di Santa Maria dei Fossi, considerata la massima prova su tavola dell'artista. In esposizione anche opere provenienti direttamente dalla National Gallery di Londra, la Madonna col Bambino, e dal Louvre di Parigi, l'Umbro a cavallo. Saranno inoltre esposte opere conservate nei musei di Austria, Francia, Danimarca, Germania, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Ungheria e da collezioni private di tutto il mondo. Evento unico nella storia. Parte integrante della mostra itinerante e il ciclo di affreschi della Chiesa di Santa Maria Maggiore a Spello (Perugia), che decora la Cappella Baglioni, conosciuta anche come Cappella Bella, e considerato capolavoro umbro dell'artista.
La mostra dedicata a Bernardino di Betto, detto il Pintoricchio o Pinturicchio e il primo dei grandi eventi che saranno ospitati nella rinnovata Galleria Nazionale dell’Umbria, dopo i lavori di recupero ed ampliamento degli spazi espositivi da poco inaugurati. Ma e soprattutto un progetto di valorizzazione del territorio e del patrimonio umbro che sara realizzato in occasione delle celebrazioni per il 550° anniversario della nascita di uno dei piu interessanti protagonisti del Rinascimento italiano, simbolo della citta di Perugia.
Dopo il successo della mostra dedicata a Perugino nel 2004, la nuova rassegna monografica prosegue l'opera di valorizzazione dei grandi artisti umbri per rinnovare l’attenzione del pubblico e della critica nazionale e internazionale sul patrimonio artistico e culturale della regione e sulla sua straordinaria diffusione nel territorio.
L'esposizione perugina sara arricchita anche da percorsi e itinerari regionali che consentiranno di scoprire nei luoghi d’origine le testimonianze che ancora vi sono conservate dell’opera di Pintoricchio e della straordinaria stagione rinascimentale.

Vita e opere

Bernardino di Betto detto il Pinturicchio nacque a Perugia nel 1454 circa.
Fu tra i primi allievi del Perugino, con il quale andò a Roma per la realizzazione di alcuni affreschi della cappella Sistina. Sono da attribuire al Pinturicchio le scene con il Viaggio di Mosè e il Battesimo di Cristo. Qui venne in contatto con la pittura del Ghirlandaio e del Botticelli, che contribuì alla formazione del suo stile personale.
Datate al 1473 sono le due tavolette con Storie di san Bernardino: la Guarigione del paralitico e Liberazione del prigioniero probabilmente su impostazione del giovane Perugino, a cui il Pinturicchio aggiunge costumi ed elementi paesistici pittoreschi.
Verso il 1486, molto probabilmente, fu chiamato ad affrescare la cappella Bufalini in S. Maria in Aracoeli a Roma, dove dipinse le Storie di San Bernardino; successivi sono gli affreschi della Cappella del Presepio in Santa Maria del Popolo a Roma.
Tra il 1492 e il 1495 dipinse l'appartamento di Alessandro VI Borgia in Vaticano utilizzando ornamentazioni a motivi fantastici, le cosidette grottesche. Nei dipinti prevale il gusto per una decorazione sovraccarica con dorature e grottesche, in questi affreschi accanto a temi tradizionali quali Profeti, Sibille, Virtù e Arti Liberali e Scene della vita di Cristo, di Maria e dei Santi, vengono inserì motivi paganeggianti, tratti dalla mitologia, volte a celebrare in modo allegorico il committente. Fritz Saxl ne parla in questo modo: "Eppure non esiste forse in questo periodo nessun'altra opera in cui il paganesimo e l’orgoglio individuale abbiano potuto manifestarsi con altrettanta nettezza che nell’appartamento Borgia".
Dal 1495 lavora alla Pala di Santa Maria dei Fossi, in cui compare un suo autoritratto.
Dopo aver decorato l’Appartamento Borgia a Roma, il Pinturicchio nel 1500 viene chiamato a Spello da Troilo Baglioni, Priore della Canonica di Santa Maria Maggiore, per affrescare le pareti di una cappella della chiesa che sarebbe diventata l’unico esempio di superba pittura della rinascenza italiana, presente a Spello. Nel ciclo di Spello il Pinturicchio affresca nella parete di sinistra l’Annunciazione, in quella centrale la Natività, nella destra la Disputa di Gesù fra i Dottori e le quattro Sibille nelle vele della volta. Conosciuta come "Cappella Bella", la cappella del Pinturicchio in Santa Maria Maggiore riscosse grandi consensi per il dotato senso decorativo. Lontano dallo splendore della corte pontificia, dimenticato il fasto degli affreschi Borgia, l’artista a Spello recupera quella giusta dose di equilibrio prospettico e realizza un’opera singolare nel suo genere per unità spaziale di composizione e scrupolosa ricerca di proporzioni ed equilibrio.
Dal 1505 lavora alla decorazione della Libreria Piccolomini presso il Duomo di Siena, con l' Incoronazione di Pio III e Storie di Pio II, per alcune di queste si valse della collaborazione del giovane Raffaello, suo è il cartone con la Partenza di Enea Silvio Piccolomini per il concilio.
Nel 1509 circa lavora agli affreschi del presbiterio di Santa Maria del Popolo a Roma.
Muore a Siena nel 1513.



^inizio pagina
Pagine Sì!
eXTReMe Tracker