Archeologia Carsulae Umbria tempio romano Carsulae terme romane Carsulae

Home pageSiti archeologici - Umbria
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Archeologia Carsulae Umbria

Home .: Architettura: Siti Archeologici .: Carsulae

Siti Archeologici: Carsulae

.: Le rovine romane di Carsulae (Comune di Terni e Sangemini) sono ubicate lungo quello che era il tracciato originale della Via Flaminia, importante strada di comunicazione dell'impero che univa Roma al mare Adriatico.
Municipio romano sorto dopo l'apertura dell'importante via consolare (III sec. a.C.), s'ingrandì successivamente non solo per la sua favorevole posizione lungo la Flaminia, ma anche per la bellezza del luogo, ricordato da Tacito e da Plinio il Giovane. La città fu abbandonata in seguito a un movimento tellurico che abbattè i principali monumenti.
Si può iniziare la visita dalla chiesetta di San Damiano sorta, nell'alto Medioevo, su un edificio romano preesistente; per poi proseguire sulla strada che passa davanti alla Chiesa (tratto urbano della Via Flaminia che attraversava Carsulae in direzione S-N) giungendo al Foro: a destra visibili i resti della basilica forense, a tre navate e absidata; a sinistra edifici pubblici e di carattere sacro.
Riprendendo la Via Flaminia, di cui sono ben visibili i lastroni, si giunge all'arco di Traiano, detto Arco di San Damiano, eretto dove terminava l'abitato. Subito fuori le rovine di un sepolcro circolare e di altri più piccoli. Tornando indietro per la strada moderna, da notare gli edifici per gli spettacoli: l'Anfiteatro, costruito in un avvallamento naturale del terreno e il teatro di cui sono ancora visibili i primi due gradoni e le costruzioni della cavea.
Le rovine di questa città antica furono descritte e identificate fin dal XVII secolo: tuttavia, soltanto le campagne di scavo svoltesi tra il 1951 e il 1972 hanno permesso di riportare alla luce buona parte del foro, il teatro e l'anfiteatro, un lungo tratto della Via Flaminia e alcune tombe monumentali. Carsulae lega le sue sorti a quelle della Via Flaminia, asse portante dell'impianto urbanistico: nulla resta del nucleo insediativo originario, formatosi probabilmente già nel corso del III sec. a.C., poco dopo la costruzione della strada.

Informazioni:

.: Centro Visita e Documentazione "U. Ciotti" e Area Archeologica di Carsulae
voc. Carsoli 8 - Carsulae, Terni
Tel. 0744.334133 - Fax 0744.428061
e-mail: [email protected]







^inizio pagina

Architettura

.: Castelli, Rocche e Fortezze
.: Edifici religiosi
.: Siti Archeologici

Elenco siti archeologici

.: Amelia
.: Assisi
.: Bettona
.: Bevagna
.: Carsulae
.: Castel Rubello
.: Colle Plinio
.: Gubbio
.: Narni
.: Ocriculum
.: Orvieto
.: Perugia
.: Spello
.: Spoleto
.: Terni
.: Todi

Mostre correlate

.: La Via Flaminia
Pagine Sì!