Archeologia Spello Umbria area archeologica Spello mura augustee Porta Consolare Porta Venere anfiteatro romano Spello

Home pageSiti archeologici - Umbria
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Archeologia Spello Umbria

Home .: Architettura: Siti Archeologici .: Spello

Siti Archeologici: Spello

.: Il buono stato di conservazione della cinta muraria e le porte, quattro delle quali a carattere monumentale, consentono di definire i contorni dell’abitato romano alle falde del monte. La porta Consolare, che costituiva la principale via d'accesso alla città, è costruita con blocchi di calcare locale disposti a filari e connessi a secco. Sebbene rimaneggiata da un radicale restauro, avvenuto nei primi anni del secolo, la Porta Venere conserva un particolare fascino per la struttura architettonica delle due torri dodecagone laterali.
Una grande sostruzione a metà colle, di cui sono visibili tratti presso l'area di S. Andrea, sorregge l’area dell’antico Foro. Nella pianura sottostante è collocato l’Anfiteatro, di cui sono visibili alcune strutture, e poco lontano, si scorgono i resti del teatro, oltre a due grandi muri pertinenti all’esistenza di un grandioso santuario. L'edificio sacro doveva servire per le annuali riunioni delle genti umbre, come attesta l'eccezionale documento epigrafico, noto come Rescritto costantiniano, scoperto nel 1733 a valle del tempio.

Mura e Porte

L’abitato romano è completamente circondato da mura che costituiscono uno degli esempi più accurati di fortificazione antica conservati in Italia. Sono realizzate in epoca augustea, con tecnica in opera
“vittata” con piccoli blocchi di calcare locale. Lungo il perimetro si aprono cinque porte e alcune posterule:
la Porta Consolare, che costituiva il principale accesso alla città antica, è a tre fornici, costruita con grandi blocchi di calcare del Subasio connessi a secco. Sul fronte esterno rialzato vennero sistemate in epoca rinascimentale tre statue funerarie provenienti dai dintorni.
La Porta Urbica o di S.Ventura è sostenuta da pilastri e coronata da un timpano.
La Porta Venere (in via Torri di Properzio) è un arco a tre fornici, difesa lateralmente da due torri dodecagone, restaurata nei primi decenni del XX secolo. Era collegata alla Porta Urbica tramite un criptoportico che seguiva il tracciato interno delle mura.
L’arco di Augusto (in via Giulia) conserva solo il piedritto sinistro con resti di iscrizione.
La Porta dei Cappuccini (sulla via omonima) conserva solo l’estradosso dell’arco e i piedritti.

Il Foro

Tra Piazza S.Andrea e Piazza della Repubblica è conservato per tutto il tratto il muro di terrazzamento in opera quadrata, di calcare locale, che delimita e sostiene il lato orientale del foro della città romana.

L'Anfiteatro

Percorrendo la strada di Porta Venere verso Assisi, superata la chiesa di S.Claudio, si giunge ad una area pubblica, a carattere sacro, con anfiteatro, teatro e tempio.
A sinistra, lungo la strada, si incontra innanzitutto l’anfiteatro, in opera “vittata” con blocchetti di calcare e nucleo interno in opera cementizia. Del teatro, andato distrutto all’inizio del XX secolo, è visibile attualmente solo il nucleo interno di un pilastro. Da qui proviene il rescritto costantiniano (attualmente presso il Palazzo Comunale), un’iscrizione latina del IV sec.d.C.che documenta la costruzione di un nuovo tempio in onore di Costantino sull’area dell’antico complesso sacro, che venne riorganizzato in questo periodo.
L’area dell’attuale Villa Fidelia fu utilizzata in epoca augustea per l’edificazione di un grandioso santuario.Del complesso sono attualmente visibili due lunghi terrazzamenti: il muro inferiore conserva buona parte del paramento. Del muro superiore rimane solo la parte interna in opera cementizia e i residui della scala, attualmente chiusa, che portava alla terrazza superiore. Nella parte originaria della villa era il tempio di cui rimangono solo pochi resti.

Testi tratti dal sito della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Umbria, dietro autorizzazione della stessa.



^inizio pagina

Architettura

.: Castelli, Rocche e Fortezze
.: Edifici religiosi
.: Siti Archeologici

Elenco siti archeologici

.: Amelia
.: Assisi
.: Bettona
.: Bevagna
.: Carsulae
.: Castel Rubello
.: Colle Plinio
.: Gubbio
.: Narni
.: Ocriculum
.: Orvieto
.: Perugia
.: Spello
.: Spoleto
.: Terni
.: Todi

Link correlati

.: La città di Spello
.: Villa Fidelia
Pagine Sì!