Aree naturali protette Umbria selva di meana allerona bosco di melonta monte peglia

Home pageAree naturali protette dell'Umbria
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Aree protette Umbria

Home .: L'ambiente, i parchi e le aree protette: Aree protette dell'Umbria

Aree naturali protette dell'Umbria

.: Oltre ai Parchi Regionali e Nazionali, l'Umbria è caratterizzata anche da Aree Naturali Protette come ad esempio la Selva di Meana-Allerona, il Bosco di Melonta, e San Venanzo.
L'area nel suo insieme comprende gran parte del territorio proprio della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana, copre una superficie totale di 44.270 ettari di cui 4.535 sono di Area Protetta e comprende i comuni di Allerona, Ficulle, Parrano, San Venanzo, Orvieto, Castelviscardo, Montegabbione, Todi e Fabro.
Ricchissima è la flora che compone il patrimonio di questo territorio, calcolabile in oltre un migliaio di specie, molte delle qualira rarissime come il Cytinus ruber e, in virtù alla grande differenziazione ecologica dell'ambiente, altrettanto ricco e articolato è il patrimonio faunistico che comprende tra gli altri il gatto selvatico, la martora, il gufo reale, e altri tipi di uccelli. Il patrimonio naturale della zona possiede anche numerose testimonianze paleontologiche di enorme interesse, come il "Giacimento preistorico del Monte Peglia", vecchio di 700.000 anni, uno dei siti più antichi di Italia o i giacimenti fossiferi di Fabro e Ficulle tra i cui calanchi affiorano milioni di conchiglie del Pliocene. Un cenno storico sui centri storici che lo comprendono è doveroso in quanto sono tutti di epoca medievale o borghi fortificati e muniti di castelli come ad esempio il castello di Parrano costruito intorno all'anno 1000 su presistenti rovine romane.














^inizio pagina
Pagine Sì!