Cascia santa rita turismo vacanza roccaporena monti sibillini valnerina Cascia

Home pageComune di Cascia
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province .: Blog
Cascia

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Cascia

Versione stampabile

Cascia (Pg)

.: Cascia è posta sul colle di Sant'Agostino, lambito dal fiume Corno, cirondata da verdi montagne nella fascia appenninica a sud dei Monti Sibillini. La città insieme ad Assisi (per San Francesco) è conosciuta in tutto il mondo per aver dato i natali a Santa Rita. Antico centro di fondazione italico del VI-V sec. a.C., conobbe l'avvicendarsi di Umbri, Etruschi, Sabini e Romani. Cascia ha una storia millenaria i cui segni, fortemente impressi nel suo territorio, sono inoltre riccamente illustrati da reperti archeologici, testimonianze epigrafiche, documenti d'archivio, monumenti e oggetti di valore storico-artistico.
L'origine è sicuramente da far risalire a qualche secolo prima della fondazione di Roma, nel periodo in cui questo territorio era abitato da popolazioni italiche dedite per lo più alla pastorizia e che, seguendo antichissime vie di transumanza, vennero in contatto ed in parte contribuirono alla formazione della nascente civiltà romana. La testimonianza più importante ed imponente di questo periodo arcaico è lo splendido tempio di Villa S. Silvestro, mentre molti altri reperti archeologici sono conservati nel Museo di Palazzo Santi, a Cascia, ed in altri musei italiani e stranieri.
La presenza di importanti magistrature, documentate dalle epigrafi, e recenti rinvenimenti archeologici dimostrano come Cascia ed il suo territorio fosse un centro di rilievo in età romana. L'Imperatore Vespasiano traeva le sue origini familiari proprio da questo territorio.
I rivolgimenti e lo scompiglio dell'età barbarica, mitigata dalla presenza degli ordini monastici, è stata compensata da una splendida epoca comunale che vide Cascia, a partire dal secolo XII, protagonista delle vicende turbolenti di guelfi e ghibellini che animarono gran parte del territorio umbro. La stessa conformazione arroccata di Cascia e di gran parte dei paesi del territorio comunale la si deve alle scelte difensive effettuate in quell'epoca.
La collocazione di Cascia ai confini con il Regno di Napoli ne ha fatto un caposaldo dello Stato Pontificio, di cui Cascia è stato irrequieto presidio fino al 1860.
Pur con la ricchezza di fonti che caratterizza la storia di Cascia, regna la più assoluta incertezza sui significato del suo stemma: una donna in piedi che reca nella mano destra un giglio e nella sinistra una serpe.
La città si presenta già da lontano, con la classica struttura di castello di pendio, tipica degli abitati che sorgono nell'area umbro-sabina. Da vedere oltre ai luoghi della Santa, il Palazzo Carli, esempio più interessante di architettura civile della città.

Notizie utili:

.: Abitanti: 3.500 (casciani)
.: Superficie Kmq: 181,10
.: Altezza s.l.m.: 653 m.
.: Distanza da Perugia: Km. 106
.: Prefisso telefonico: 0743
.: C.A.P. 06043
.: Str. Ferr. FS di Spoleto a Km. 48
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Orte poi proseguire su S.S. Flaminia direzione Terni-Spoleto-uscita Cascia-Norcia.
Provenendo da Firenze uscita Valdichiana poi proseguire su Superstrada E45 in direzione Perugia-Assisi-Spoleto uscita Cascia-Norcia.
.: Autostrada A14 uscita Ancona o Civitanova Marche o S. Benedetto del Tronto.



^inizio pagina
Pagine Sì!