Umbria Città di Castello valle tiberina palazzo vitelli collezione burri città di castello

Home pageComune di Città di Castello
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Città di Castello

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Città di Castello

Versione stampabile

Città di Castello (Pg)

.: È l'antica Tiferno, centro umbro dell'Alta Valle del Tevere, che, dopo la conquista romana, alla fine del I secolo divenne con il nome di Tifernum Tiberinum un fiorente e ricco municipio, abbellito con edifici pubblici e templi dal potente patrono Plinio il Giovane. I Goti di Totila la distrussero ma il vescovo Florido la ricostruì e la fortificò.
Poi cambiò nome e si chiamò prima Castrum Felicitatis e poi Civitas Castelli dal quale derivò l'attuale Città di Castello.
Fu libero Comune di parte guelfa molto potente ed estese il suo dominio sui territori confinanti fino al di là dell'Appennino. I due splendidi palazzi dei Priori e del Podestà costruiti dall'architetto Angelo da Orvieto sono la testimonianza di questa sua forza e potenza. Verso la fine del '400 diverse famiglie si contesero il predominio, ma su tutte prevalse quella dei Vitelli che diede alla città un nuovo aspetto, abbellendola con chiese, palazzi e monumenti, che ancor oggi le conferiscono tutta la grazia dell'eleganza rinascimentale toscana. Artisti di gran fama quali Signorelli e Raffaello, per citare solo i maggiori, operaro-no per molto tempo a Città di Castello realizzandovi alcune delle loro opere più significative. Caduta la città sotto il dominio pontificio vi rimase fino al 1860 quando fu liberata dalle truppe piemontesi ed annessa al Regno d'Italia.
Il borgo è custodito ancora oggi in una cinta muraria cinquecentesca. Città della famiglia nobile quattrocentesca dei Vitelli che arricchirono la città di palazzi che ancora oggi restituiscono il valore e lo splendore delle numerose opere e affreschi in essi contenuti. Da vedere la Collezione Burri, pittore tifernate, al quale la città ha dedicato negli Ex essiccatoi dei tabacchi degli spazi adibiti a museo. Numerosi sono gli edifici di pregio artistico: il Palazzo Comunale di costruzione gotica , la Pinacoteca Comunale, seconda per importanza soltanto alla Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia con numerosi capolavori custoditi, opere di Raffaello, Signorelli, Pomarancio; il Palazzo Vitelli, imponente struttura opera del Vasari costruito nel 1540 con all'interno affreschi di Prospero Fontana e Cristoforo Gherardi.

Notizie utili:

.: Abitanti: 40.000 (tifernati)
.: Superficie Kmq: 387,50
.: Altezza s.l.m.: 288 m.
.: Distanza da Perugia: Km. 55
.: Prefisso telefonico: 075
.: C.A.P. 06012
.: Str. Ferr. F.C.U di Città di Castello
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Orte proseguire per Perugia-Cesena.
Provenendo da Firenze uscita Arezzo proseguire per Città di Castello.
.: Autostrada A14 (Bologna-Rimini) uscita Cesena Nord proseguire per Superstrada E45 in direzione Perugia.






^inizio pagina
Pagine Sì!