Umbria Ficulle famiglia dei monaldeschi antiche mura castello Ficulle

Home pageComune di Ficulle
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province .: Blog
Ficulle

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Ficulle

Versione stampabile

Ficulle (Tr)

.: Posta in una stupenda posizione su di un alto colle, Ficulle domina la valle del Chiani, in un verdissimo paesaggio sovrastato dal Monte Nibbio e dalle ultime propaggini della Val di Chiana che si estendono qui dalla vicina Toscana. Fu abitata già in tempi remoti dagli Etruschi. Nel 1292 Ficulle è elencato nel catasto orvietano tra i domini diretti di quel Comune. Dopo il dominio della famiglia Bovaccini, la città passa sotto il dominio dei Filippeschi e, nel 1313 della nemica famiglia dei Monaldeschi della Vipera. Oggi la città è cinta entro antiche mura e del castello dei conti Bovaccini rimangono in buono stato di conservazione due torri (sec. XIII). La chiesa di Santa Maria Vecchia restaurata, presenta un portale gotico del XIII secolo, la chiesa di Santa Maria Nuova, del XVII fu costruita su progetto di Ippolito Scalza. Il centro frazionale di Sala che si raggiunge percorrendo i tornanti che portano al Monte Nibbio, è dominato dal Castello dei Monaldeschi (sec.XIV), ancora oggi ben conservato, con mura perimetrali intatte, torri ed una caratteristica ed imponente torre a forma cilindrica. Oggi il castello è di proprietà privata.
L'Autostrada, che passa a 8 Km., non è riuscita a sconvolgere la vita dei suoi abitanti: niente ritmi frenetici, aria buona, agricoltura, artigianato e cibi genuini; il tutto al riparo delle sue antiche mura che racchiudono un intrigo di vicoli e piazzette con le vecchie case ancora difese dalle due rocche. Tutto il paese è un "monumento". Il simbolo di Ficulle è il coccio: oggetti di uso domestico fatti di argilla, lavorati al tornio e cotti nel forno a legna. Terrecotte che, prima dell'avvento della plastica, scandivano la vita quotidiana di tutti si producono tuttora: piatti e pignatte, "panate" e ziri ricordano abitudini antiche e conservano nelle forme e nei colori quella tradizione locale, che si ritrova nella cucina semplice ma gustosa.

Notizie utili:

.: Abitanti: 1.900 (ficullesi)
.: Superficie Kmq: 64,80
.: Altezza s.l.m.: 437 m.
.: Distanza da Terni: Km. 90
.: Prefisso telefonico: 0763
.: C.A.P. 05016
.: Str. Ferr. FS a Fabro Scalo a 7 Km.
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Fabro a Km. 10.
Provenendo da Firenze uscita Fabro a Km. 10.





^inizio pagina
Pagine Sì!