Umbria Foligno palazzo trinci valle umbra Foligno

Home pageComune di Foligno
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Foligno

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Foligno

Versione stampabile

Foligno (Pg)

.: Foligno, posta al margine sud orientale della Valle Umbra, sulla riva sinistra del fiume Topino, una delle pochissime città umbre ad essere collocate in pianura. Di antichissima origine umbra e conquistata dai romani dopo la battaglia del Sentino (295 a. C.), Foligno fu inizialmente Municipium, quindi sede di Prefettura e infine Statio principalis dei traffici imperiali lungo la via Flaminia.
Conobbe nei secoli alterne vicende: distrutta dai saraceni e dagli ungari, risorse al tempo del Barbarossa, si ampliò, si costituì in libero Comune e al principio del XIII secolo fu annessa allo Stato Pontificio.
Nel 1227 fu occupata da Guiscardo, capitano di Federico II, e divenne la più importante città ghibellina dell'Umbria fino al 1305, anno in cui si affermò la Signoria guelfa dei Trinci, al cui nome è legato il periodo più florido e glorioso della sua storia.
Nel XV secolo la città divenne molto famosa per le sue stamperie: qui venne infatti realizzata, l'11 aprile 1472, la prima copia stampata della Divina Commedia.
La Signoria ebbe un violento epilogo nel 1439 e la città tornò sotto il dominio dello Stato Pontificio, rimanendovi, eccettuata la parentesi napoleonica, fino al 1860, quando entrò a far parte del Regno d'Italia.
Il glorioso passato di Foligno viene celebrato con la magnifica Giostra della Quintana, un appuntamento annuale che ripropone costumi, sfide a cavallo e festeggiamenti che rimandano ad altre epoche: gli splendidi costumi del corteo storico, l'accesa rivalità che corre tra i cavalieri che si sfidano, e i numerosi eventi culturali e gastronomici rendono la Quintana una manifestazione da non perdere per comprendere appieno la storia, la tradizione e l'anima della città.
Oggi Foligno appare una città ricca di storia e di arte con numerosi palazzi ed altrettante chiese e teatri. Il Palazzo Comunale, del XIII secolo con una bella torre merlata del '400, l'antica facciata venne completamente ricostruita in stile neoclassico su progetto di Antonio Mollari. Palazzo Orfini, con un bel portale del 1515, antica dimora di Emiliano Orfini, il tipografo che stampò la prima edizione in lingua italiana della Divina Commedia. Palazzo Trinci, iniziato nel 1389 ed ultimato nel 1407, antica dimora dell'antica famiglia Trinci a cui passò il potere della città nel 1420. Da non perdere Palazzo Deli e Palazzo Barnabò in stile neoclassico, che, insieme alle case trecentesche caratterizzano il centro storico di Foligno.
Nei dintorni segnaliamo a Sant'Eraclio la Rocca del XV secolo costruita dai Trinci, con la cinta muraria ancora in buono stato. Sant'Eraclio è il paese del Carnevale per la sua ricca tradizione in maschera.

Notizie utili:

.: Abitanti: 55.000 (folignati)
.: Superficie Kmq: 55,81
.: Altezza s.l.m.: 234 m.
.: Distanza da Perugia: Km. 36
.: Prefisso telefonico: 0742
.: C.A.P. 06034
.: Str. Ferr. FS di Foligno
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Orte poi proseguire su S.S. Flaminia direzione Terni-Spoleto-Foligno.
Provenendo da Firenze uscita Valdichiana poi proseguire su Superstrada E45 in direzione Perugia-Assisi-Foligno.



^inizio pagina
Pagine Sì!