Fonti del clitunno clitumno via flaminia foligno fonti clitumno

Home pageFonti del Clitunno
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualitā .: Profilo geografico .: Le due province
Fonti del Clitumno

Home .: Da vedere: Le Fonti del Clitunno

Le Fonti del Clitumno

.: Un vero gioiello naturalistico dell'Umbria, le Fonti del Clitumno, per le suggestioni che evocano, sono il luogo ideale per comprendere l'intreccio tra religiosità e ambiente. Qui polle d'acqua dagli intensi colori ed una lussureggiante vegetazione creano un ambiente di imcomparabile bellezza.
Dedicate al Dio Clutumno, personificazioni del fiume che qui proferiva ai suoi oracoli, già famose in epoca romana e celebrate da Properzio, Plinio e Virgilio nei loro scritti, queste acque hanno ispirato nei tempi più recenti poeti come Byron e Giosuè Carducci, pittori come Corot e ancora oggi sgorgano dalle fratture della roccia e vengono raccolte in un delizioso laghetto.
Uno specchio d'acqua con un perimetro poco pių lungo di 400 metri per una superficie di quasi diecimila metri quadrati. In questo piccolo laghetto numerosissime specie vegetali contribuiscono a dare quella caratteristica per cui le Fonti del clitunno sono note. Il muschio, le fanerogame, la coda di cavallo acquatica, la mestolaccia, la brosca increspata, la gamberaja maggiore, il nontiscordardimč delle paludi, il nasturzio acquatico, detto anche crescione sono solo alcune delle piante che si trovano all'interno del laghetto. Intorno alle rive sono gli alberi a caratterizzare l'ambiente, in primo luogo il pioppo cipressino, che d'estate si riveste di un fitto fogliame. Poi, i salici piangentila cui diffusione viene fatta risalire alla moda che si diffuse a Parigi negli anni '40 del secolo diciannovesimo di questa pianta che, si dice, dava ombra alla tomba di Napoleone a Sant'Elena.
Più a valle, a circa un chilometro, si trova il Tempietto del Clitunno o Clitumno, di probabile origine romana, poi trasformato in sacello paleocristiano, dI datazione incerta (IV-V secolo d.C.), che conserva all'interno gli affreschi sacri più antichi dell'Umbria, tra cui un "Pantokrator" dell'ottavo secolo.


Informazioni

Le Fonti del Clitunno sono lungo la Via Flaminia tra Foligno e Spoleto all'altezza di Campello sul Clitunno.

Aperto tutti i giorni tutto l'anno tranne il 25 dicembre









^inizio pagina
Pagine Sė!