Umbria Orvieto pozzo san patrizio duomo storia Orvieto

Home pageComune di Orvieto
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Orvieto

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Orvieto

Versione stampabile

Orvieto (Tr)

.: Visitare la città di Orvieto è come attraversare la storia poichè si ritrovano concentrate in uno spazio fisico precostituito, le tracce di ogni epoca, per quasi tre millenni. Le prime testimonianze di vita sulla rupe sulla quale Orvieto sorge, risalgono all'Età del Ferro, ma sono gli Etruschi che vi si insediano stabilmente. Oltre al Duomo di Orvieto da visitare sono sicuramente il Pozzo di San Patrizio costruito tra il 1527 e il 1537 per volere di papa Clemente VII su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane. La Fortezza di Albornoz è del 1364 e fu costruita per ordine del Cardinale omonimo. Il Tempio del Belvedere è del V sec. a.C., il Palazzo del Popolo, costruito intorno al 1157 è in stile romanico-gotico. Il Palazzo dei Sette è una costruzione del XIII secolo di una delle Magistrature più importanti della città. Il Palazzo Comunale fu edificato nel periodo dell'istituzione del Libero Comune, sottoposto nel tardo '500 ad un radicale restauro ad opera di Ippolito Scalza. Numerosissimi altri edifici e monumenti, rendono questa città unica al mondo.
La città di Orvieto, in simbiosi con la rupe di tufo su cui è costruita, è un esempio eccezionale di integrazione tra natura e opera dell'uomo. In certi casi la testimonianza della consapevolezza di questo rapporto tra natura e architettura è manifestata esplicitamente, come nell'iscrizione apposta sul famoso pozzo di San Patrizio che recita "quod natura munimento inviderat industria adiecit" chiarendo appunto, che "Ciò che la natura aveva negato per la difesa - in questo caso l'acqua- lo aggiunse l'attività umana". Visitare questa città è come attraversare la storia, perché vi si ritrovano, stratificate e concentrate, in uno spazio fisico precostituito, le tracce di ogni epoca per quasi tre millenni. Un percorso ideale è evocato e suggerito al turista dei nostri giorni dalle due statue di Bonifacio VIII poste sulle porte estreme della città, porta Soliana, detta poi Porta Rocca dopo la costruzione della fortezza dell'Albornoz, dalla quale il Papa entrò e porta Maggiore da cui usci. Bonifacio VIII era tutt'altro che un turista - era stato addirittura Capitano del popolo ad Orvieto - ma le sue due statue, che gli costarono anche l'accusa d'idolatria, possono se non altro simbolizzare sia l'attenzione ohe merita la città di Orvieto che la tradizionale ospitalità dei suoi abitanti. Oggi, che non è più necessario salire sulla rupe a dorso di mulo, un moderno sistema di "mobilita alternativa" permette un comodo e tuttavia suggestivo accesso alla città: da un lato la funicolare, che nell'ottocento funzionava ad acqua, completamente ammodernata, e dall'altro un ascensore (al quale si aggiungeranno scale mobili) sono anche il segno di una riappropriazione pedonale di un centro storico che si vuole a misura d'uomo per cittadini e turisti.

Notizie utili:

.: Abitanti: 22.000 (orvietani)
.: Superficie Kmq: 281,16
.: Altezza s.l.m.: 325 m.
.: Distanza da Terni: Km. 72
.: Prefisso telefonico: 0763
.: C.A.P. 05018
.: Str. Ferr. FS a Orvieto Scalo a 5 Km.
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Orvieto.
Provenendo da Firenze uscita Orvieto.




^inizio pagina
Pagine Sì!