Pasqua 2006 in Umbria liturgie tradizioni celebrazioni Pasqua Umbria

Home page
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province

Home .: Le feste in Umbria: Pasqua in Umbria

Pasqua 2006 in Umbria

Le origini delle celebrazioni della Pasqua in Umbria

.: La Pasqua è legata a molte tradizioni e liturgie che si snodano per i comuni medievali dell'Umbria.
Il nome Pasqua deriva dal dal latino pascha e dall'ebraico pesah.
Durante la Settimana Santa nei paesi cattolici si svolgono diversi riti che rievocano la Passione di Cristo: si benedicono le case, si consuma l'agnello pasquale, si distribuiscono uova e dolci a forma di colomba.
La tradizione di regalare l'Uovo è molto sentita e antica in diverse tradizioni da quella pagana, in cui l'uovo è simbolo di fertilità, a quella cristiana in cui l'uovo è simbolo della rinascita.
Non c'è una data fissa per la Pasqua, ma la regola vuole che cada la domenica dopo la domenica delle Palme, e che corrisponda alla domenica successiva alla prima luna piena di primavera.

Principali appuntamenti della Pasqua 2006 in Umbria

.: In Umbria la tradizione è molto sentita un pò in tutti i comuni con Via Crucis e Processioni, raffigurazioni della Passione del Cristo.

Assisi (Pg)

.: Celebrazioni per la Settimana Santa:
La sera del Giovedì Santo: "Deposizione del Crocefisso, Scavigliazione"resto di una laude trecedentesca sulla Passione, che si svolge nella Cattedrale di San Rufino.
Il Venerdì Santo: al mattino processione per il trasferimento del Cristo morto dalla Cattedrale alla Basilica di San Francesco; in serata la Processione delle confraternite (di origine medievale) lungo un percorso illuminato da fiaccole portando la statua della Madonna Addolorata dalla cattedrale di S. Rufino fino alla Basilica di S. Francesco da dove rientra in cattedrale insieme a quella del Cristo morto.

Baschi (Tr)

.: Domenica 16 aprile (domenica di pasqua), alle ore 21.30, rievocazione storica dei Pantanelli presso il Convento di Sant'Angelo in Pantanelli, luogo suggestivo di memorie francescane, il convento fu infatti costruito su un terreno donato a San Francesco. Alla sua fondazione nel 1216, prese parte lo stesso frate, nelle vicinanze è ancora visibile la grotta in cui il santo dimorò, e lo scoglio sul Tevere da cui parlò ai pesci.
Ospiti del convento furono Jacopone da Todi, e la tradizione vuole, che qui vi compose varie laudi, tra cui la celeberrima "Stabat Mater", e San Bernardino da Siena. Nella chiesa sono sepolti i signori di Baschi che dominarono il territorio circostante per vari secoli. Sull'altare maggiore un affresco del 1400 rappresentante
una crocefissione e all’interno e un’ Annunciazione del Pastura, allievo del Pinturicchio.
Da circa 13 anni l’ Associazione Culturale Pantanelli, con il Patrocinio della Pro-Loco di Baschi, attraverso un appassionato lavoro di ricerca ricrea sapientemente, in occasione della Pasqua, la mistica atmosfera che appartiene al luogo con una rievocazione storica della Passione e Resurrezione del Cristo. L'ambientazione, particolarmente suggestiva, si snoda fra il Convento, il bosco e la grotta di S. Francesco d'Assisi, quale sepolcro per la scena della Resurrezione. I figuranti in costume sono circa 80 dando vita a dieci quadri viventi in movimento. In caso di maltempo il programma potrebbe subire delle variazioni. Per informazioni telefonare a +39.0744.957144 – Cell.+39.347.3476776.

Todi (Pg)

.: La Passione, venerdì Santo
Anche in questa antica cittadina umbra viene rivissuto il martirio di Cristo nella "via crucis".

Gualdo Tadino (Pg)

Passione di Cristo, venerdì Santo.

Montefalco (Pg)

.: Passione di Cristo, venerdì Santo.
In entrambi i paesi viene raffigurata la Passione con 14 quadri e 200 persone in uno spettacolo suggestivo per i turisti che affolleranno le strade dei paesi la notte del venerdì santo.

Montecchio (Tr)

.: Passione di Gesù, venerdì Santo.
Come nelle altre cittadine Umbre anche in questo antico borgo viene rivissuta la passione di Cristo con una rappresentazione che risale al medioevo.

Città di Castello (Pg)

.: Sacra rappresentazione, venerdì Santo - la rievocazione risale al XIII secolo, le statue del Cristo Morto e della Madonna Addolorata vengono portate per tutto il paese.

Gubbio (Pg)

.: Processione del Cristo Morto, venerdì Santo.
Anche questa rappresentazione risale al XII sec e si svolge similmente a quella di Città di Castello, con le statue sacre che vengono portate in processione.

Fossato di Vico - Sigillo (Pg)

Festa del Corpus Domini. Nei due paesi viene messo in scena il percorso verso il Calvario rispettando una lunga tradizione medievale.

Cascia - Norcia (Pg)

.: Processione del Venerdì Santo. Nei due centri medievali vene rievocato il Martirio di Cristo con i quadri viventi della Passione.

Bastia Umbra (Pg)

.: Processione della Rinchinata, Pasqua.

Bevagna - Cannara (Pg)

.: Nei due paesi si unisce la tradizione sacra agli auspici di buon raccolto dei contadini mediante la processione della Rinchinata, in cui le statue della Madonna Addolorata e del Cristo Risorto, mosse dai figuranti, si inchineranno una con l'altra.

Deruta (Pg)

.: Festa della Madonna dei Bagni, lunedì di Pasqua.



^inizio pagina
Pagine Sì!