Fortezza Rocca Paolina Porta Marzia Perugia Umbria rocca paolina

Home pageRocca Paolina
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Perugia

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Perugia .: Rocca Paolina

Perugia: La Rocca Paolina di Perugia

.: La Rocca Paolina è una fortezza fatta erigere da Papa Paolo III Farnese nel 1540, dopo aver sedato la rivolta dei perugini, nota come "Guerra del Sale", e sconfitto la Signoria dei Baglioni che qui avevano dimora. Progettata dal noto architetto militare Antonio da Sangallo il giovane, divenne il simbolo del potere papale che regnò a Perugia per più di tre secoli. L'interno della Rocca Paolina è formato dalle antiche strade e piazze della Perugia medievale; essa è percorsa, ormai da alcuni anni, da scale mobili, che ne facilitano la visita e che collegano rapidamente la parte bassa della città con il Corso Vannucci. Oltre ai quartieri antichi ed i vicoli, si possono ammirare ancora la sala delle guardie papali, la casa della famiglia Baglioni e, prima prima di uscire nella parte inferiore della Rocca, i resti in pietra dell'antico "Giuoco del Pallone", uno stadio di legno dove veniva praticato tale gioco. Da ricordare anche l'antica Porta Marzia, assemblata alla Rocca dallo stesso architetto Antonio da Sangallo il Giovane, che risale al secondo secolo circa con i bastioni ancora ben visibili.

Porta Marzia

.: Porta Marzia è la porta della cerchia etrusca (seconda metà del III sec. a.C.), venne incastonata nel bastione di levante della Rocca Paolina per decorarne un ingresso. Ne restano soltanto l'arco a tutto sesto e il coronamento. Ai lati dell'arco due pilastri corinzi chiudono il coronamento, formato da una sorta di loggia sostenuta da pilastrini corinzi tra i quali sporgono tre mezze figure virili (Giove e i Dioscuri) e all'estremità due protomi di cavalli. Due fasce di pietra, inscritte a caratteri romani, chiudono sopra e sotto la loggia.

Informazioni

Rocca Paolina - percorso meccanizzato
accessi: Via Marzia, Piazza Italia, Via Masi, Viale Indipendenza
Ingresso gratuito






^inizio pagina
Pagine Sì!