Umbria Spoleto turismo Spoleto arte storia eventi chiese palazzi Spoleto

Home pageComune di Spoleto
.: L'Arte e la Storia .: Folklore e Tradizioni .: La spiritualità .: Profilo geografico .: Le due province
Spoleto

Home .: I Comuni dell'Umbria .: Spoleto

Versione stampabile

Spoleto (Pg)

.: Spoleto è situata su un colle alle falde del Monteluco presso le rive del torrente Tessino al margine inferiore della Valle Umbra. Importante centro umbro, dal III secolo a.C. gravitò nell'orbita romana, fino a divenire colonia, con il nome di Spoletium, nel 241 a.C. La città restò sempre fedele a Roma, soprattutto durante le guerre puniche, quando respinse valorosamente Annibale. Intorno al 100 a.C. fu, secondo quanto riferisce Cicerone, una delle più belle e ricche colonie del centro Italia, e nel 90 a.C. fu Municipio "optime jure" iscritta alla tribù Horatia; patria di Caio Melisso, bibliotecario di Augusto.
La città seguì le vicissitudini dell'Impero: cristiana fin dal IV secolo, subì varie invasioni barbariche – vi passarono Teodorico, Belisario, Totila, Narsete.
Con l'insediamento dei Longobardi in Italia Spoleto fu posta a capo di un importante Ducato, che iniziò nel 569 con Faroaldo I.
Con la caduta dei Longobardi alla guida del Ducato subentrarono i Franchi, e quando l'impero carolingio venne smembrato, i duchi di Spoleto tentarono addirittura di conquistare la corona imperiale: il progetto non poté attuarsi per l'intervento dalla Germania di Federico Barbarossa il quale, sceso in Italia per incontrare il Papa, distrusse la città nel 1155.
Contesa tra Impero e Papato, Spoleto entrò a far parte dello Stato della Chiesa nel 1247. Dopo lunghi anni di lotte tra Guelfi e Ghibellini, la città venne pacificata dal cardinale Albornoz e divenne un centro piuttosto importante: tra i suoi governatori vi fu anche Lucrezia Borgia, nel 1499.
Spoleto attraversa secoli di storia nell'immobilismo dello Stato Pontificio, tra alterne vicende, ma sostanzialmente senza alcuna scossa fino all'occupazione francese: la città diventa capoluogo del Dipartimento del Trasimeno, superando per importanza la stessa Perugia.
Definita "città splendida e austera", è uno dei principali centri turistici dell'Umbria grazie alla sua storia plurimillenaria, alla ricchezza e alla varietà di un contesto architettonico di impareggiabile bellezza, all'importanza delle sue manifestazioni culturali, su tutti citiamo il Festival dei Due Mondi. Spoleto fu colonia romana, poi divenne capitale del potente Ducato Longobardo, poi agli ordini del Papato, e via via un susseguirsi di avvicendamenti storici l'hanno portata a diventare una città sempre in crescita fino al dopoguerra e ad oggi con la nascita di importanti istituzioni tra le quali citiamo, il Centro di Diagnostica dei Beni Culturali e il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto. Da citare tra i numerosi monumenti, il Teatro Romano dei primi anni dell'Impero, l'Anfiteatro del II sec. a.C., il Palazzo Comunale (XIII sec.), il seicentesco Palazzo Ancaiani la Rocca Albornoziana, il Ponte delle Torri e numerosissimi altri esempi di storia, arte e cultura.

Notizie utili:

.: Abitanti: 39.100 (spoletini)
.: Superficie Kmq: 349,63
.: Altezza s.l.m.: 396 m.
.: Distanza da Perugia: Km. 63
.: Prefisso telefonico: 0743
.: C.A.P. 06049
.: Str. Ferr. FS a Spoleto a Km. 1
.: Autostrada A1 (Firenze - Roma) provenendo da Roma uscita Orte poi proseguire su S.S. Flaminia direzione Terni-Spoleto.
Provenendo da Firenze uscita Valdichiana poi proseguire su Superstrada E45 in direzione Perugia-Assisi-Foligno-Spoleto.



^inizio pagina
Pagine Sì!